logo
  • Via Roma 8/10
    33080 Porcia (PN)

Farmaci galenici

Oltre ai medicinali industriali preconfezionati, esistono anche preparazioni farmaceutiche che sono allestibili dal farmacista nel laboratorio della farmacia aperta al pubblico od ospedaliera, i cosiddetti preparati galenici. Essi si dividono in due categorie:

Farmacopea

Farmaci Galenici officinali

Sono quei medicinali allestibili sia dalle officine farmaceutiche (previo ottenimento della relativa AIC) come multipli industriali preconfezionati, sia dal farmacista in farmacia (nel rispetto delle NBP) come multipli da detenere in attesa della vendita o anche come preparazione singola se specificatamente richiesta.

Le formulazioni di tali medicinali devono essere presenti nella Farmacopea Ufficiale Italiana (alla voce “Preparazioni farmaceutiche specifiche – F.U. XI Ed. e 1° Suppl.”), in quella Europea o in altre farmacopee di uno Stato membro dell’Unione Europea. Possono o meno, richiedere ricetta medica per la dispensazione al pubblico.

Farmaci Galenici magistrali

Il preparato magistrale è un medicinale allestito dal farmacista all’interno del laboratorio della Farmacia in base ad una prescrizione medica ciò permette di ottenere un medicinale adatto alle proprie esigenze quando l’industria non lo produce.

Le motivazioni che portano il medico a prescrivere un galenico magistrale sono diverse e molteplici:
1. Personalizzazione del dosaggio
Quando il dosaggio deve essere variato nel tempo o stabilito ad hoc per ogni paziente, è evidente che il farmaco industriale, che può essere commercializzato in pochi dosaggi, non può soddisfare appieno l’esigenza terapeutica del singolo.
La necessità della personalizzazione del dosaggio nasce da motivi inerenti il principio attivo: dosaggi scalari come nel caso di assuefazione da oppiacei connessi al singolo in relazione a: età, peso corporeo, tolleranza individuale e particolari condizioni patologiche.
2. Preparazione di medicinali difficilmente o non più reperibili
Si tratta degli orphan drug, cioè di medicinali per malattie rare, o comunque di medicinali che non vengono prodotti perchè non remunerativi.
3. Preparazioni di medicinali a base di principi attivi instabili
Il medicinale preparato in farmacia è estemporaneo e viene utilizzato in un tempo immediatamente successivo alla preparazione ciò consente l’impiego di principi attivi che per le loro caratteristiche chimico-fisiche potrebbero subire una rapida perdita di attività.
4. Possibilità di associazione
In caso di patologie concomitanti il galenico può essere utile per ridurre il numero e la frequenza delle somministrazioni, associando in una sola forma farmaceutica più principi attivi consentendo una migliore aderenza alla terapia.
5. Possibilità di variare la forma farmaceutica e gli eccipienti
Per esempio, lo sciroppo di morfina trasformato in “gel” per pazienti che non sono in grado di deglutire; il gel viene posto in bocca e il principio attivo si assorbe attraverso la mucosa orale. Il preparato magistrale consente anche di somministrare in forma di sciroppo un prodotto che viene commercializzato solo in capsule o compresse ad un paziente che non è capace o non è in grado dì inghiottire.

Il preparato magistrale consente di variare opportunamente gli eccipienti quando quelli presenti nel prodotto industriale determinino allergie o intolleranze (tipica è quella al lattosio).